Linea ferroviaria Napoli Bari tratta Cancello Frasso

DETTAGLI
Categoria – Competizioni, Infrastrutture
Main Contract – Italferr S.p.A.
Attività – BIM Management
Location – Napoli, Italia
Anno – 2017
Status – Progetto
Importo lavori – € 356.417.518,18

Tra gli interventi strategici previsti dalla Legge Sblocca Italia 2014, il nuovo tratto Cancello-Frasso Telesino del nuovo itinerario AV/AC Napoli-Bari rappresenta un’occasione significativa per potenziare la rete infrastrutturale nazionale ed agganciarsi stabilmente ai grandi circuiti logistici europei.

Bandita da Italferr, società di ingegneria del Gruppo Fs Italiane, per conto di Rete Ferroviaria Italiana, la gara è stata assegnata al Raggruppamento Temporaneo di Imprese, costituito da Impresa Pizzarotti & C. S.p.A, Itinera S.p.A e Ghella S.p.A., per un valore complessivo di 312 milioni di euroL’intervento prevede la velocizzazione e il raddoppio della linea storica già esistente, procedendo parte in affiancamento rispetto alla stessa, parte in variante. La lunghezza totale del tracciato sarà circa pari a 16 Km, la velocità di progetto a 180 Km/h e la pendenza massima pari al 13 per mille. Saranno inoltre previste due nuove fermate (Valle di Maddaloni e Dugenta – Frasso Telesino) a servizio delle aree del Casertano, in modo da avere un collegamento diretto verso Napoli, Bari e Benevento.

Per gestire al meglio la complessità degli interventi richiesti, BIMon, società partner di REACT, ha realizzato per l’RTI un modello BIM in fase di gara, per garantire una maggiore solidità dell’offerta, fornire una metodologia di lavoro standardizzata e analizzare le criticità dal punto di vista progettuale e costruttivo.

Configurandosi come elemento di connessione tra le imprese e le società di progettazione coinvolte, il modello BIM dell’intero tracciato ha funzionato come vero e proprio contenitore di informazioni, permettendo di scambiare una grandissima quantità di input e di output che si sono rivelati poi cruciali per l’avanzamento del progetto.  Attraverso il modello è stato possibile verificare la fattibilità tecnica delle scelte progettuali intraprese e simulare le diverse fasi di cantiere. Sono state apportate poi, ove necessario, le dovute migliorie per sviluppare un progetto integrato, verificato ed ottimizzato dal punto di vista dei tempi e dei costi. L’attività di BIM Management si è rivelata, infine, fondamentale per la risoluzione delle interferenze, la redazione di elaborati tecnici e la creazione di documentazione utile a servizio di gara.

Realization of the viaduct - Phase 1
Varo del viadotto - fase 1
Realization of the viaduct - Phase 2
Varo del viadotto - fase 2
Realization of the viaduct - Phase 3
Varo del viadotto - fase 3
Realization of the viaduct - Final phase
Varo del viadotto - finale
Realization of the box-system - Phase 1
Realizzazione del sistema scatolare - fase 1
Realization of the box-system - Phase 2
Realizzazione del sistema scatolare - fase 2
Realization of the box-system - Phase 3
Realizzazione del sistema scatolare - fase 3
Realization of the box-system - Phase 4
Realizzazione del sistema scatolare - fase 4
Realization of the box-system - Phase 5
Realizzazione del sistema scatolare - fase 5
Realization of the box-system - Phase 6
Realizzazione del sistema scatolare - fase 6
Realization of the box-system - Final phase
Realizzazione del sistema scatolare - finale
BIM for Infrastructures gallery 01
Spaccato assonometrico della galleria Pk3+722
BIM for Infrastructures gallery 02
Spaccato assonometrico della galleria PK5+498
BIM for Infrastructures gallery 03
Spaccato assonometrico della galleria PK5+972